Federazione Coldiretti Sardegna

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

In Evidenza

Coldiretti Sardegna già diversi mesi fa aveva richiesto alla Regione Sardegna, come diffuso anche a mezzo stampa, la necessità di un confronto prima di settembre 2008 al fine di potere mettere in evidenza quanto gli imprenditori lamentano da tempo: l’aumento delle materie prime (mangimi, concimi, sementi, gasolio); fatto che ha vanificato l’incremento del prezzo del latte dello scorso anno. 
 


Coldiretti Sardegna già diversi mesi fa aveva richiesto alla Regione Sardegna, come diffuso anche a mezzo stampa, la necessità di un confronto prima di settembre 2008 al fine di potere mettere in evidenza quanto gli imprenditori lamentano da tempo: l’aumento delle materie prime (mangimi, concimi, sementi, gasolio); fatto che ha vanificato l’incremento del prezzo del latte dello scorso anno. 
 
 Coldiretti Sardegna  ribadisce così come già fatto a giugno 2008 il significativo e preoccupante andamento del settore: agli ottimi prezzi di vendita all’ingrosso spuntati (sino a 11 dollari al Kg del pecorino Romano) ed al sensibile aumento della commercializzazione dei formaggi. si registra un calo di produzione del latte ovino, generalizzato, che pare si attesti intorno al 20 %.
 
E’ chiaro che una situazione del genere sia frutto oltre che dall’abbandono del settore da parte di molti, anche del tentativo di molti imprenditori di risparmiare sull’acquisto di mangimi, utilizzando soprattutto i pascoli, con corrispondente calo produttivo.
 
Al fine di trovare soluzioni in merito Coldiretti Sardegna  aveva chiesto a giugno 2008 all’Assessorato all’Agricoltura di potere attivare per giugno scorso un tavolo di confronto per cercare, insieme, strategie utili a contrastare gli aumenti e per aiutare le imprese a superare questo momento. Nessuna risposta.
 
E’ già il terzo anno che si chiede all’Assessorato l’attivazione dell’Osservatorio Economico, ma nell’emergenza a luglio 2008  Coldiretti Sardegna   è stata costretta a crearlo al fine di potere dare ciò che nel momento della contrattazione serve alle imprese: cioè un rilevamento dei costi di produzione da parte di una serie di aziende tipo per tutta la Sardegna.
 
E’ chiaro che si tratta di un dato di riferimento e di orientamento sulla base di alcune aziende che rappresentano per dimensione, modalità di allevamento e conduzione la fascia d’aziende più diffusa nella nostra regione.
 
Il costo di produzione rilevato dall’indagine del solo latte ovino prodotto in azienda  ( indipendentemente dal grado di innovazione conseguito, dalla dimensione economica e produttiva) non si differenzia molto da una realtà produttiva ad un'altra , attestandosi, fra 1,10 e 1,25 euro per litro con costi riferiti alla campagna 2007/2008, pertanto suscettibili di ulteriori aumenti.
Si specifica che nei calcoli svolti sono compresi i contributi comunitari altrimenti i costi di produzione sarebbero più elevati.
 
Coldiretti Sardegna alla luce di quanto rilevato, considerata la scarsità della produzione, l’assenza di giacenze e la forte necessità di materia prima da parte dei trasformatori chiede che i produttori non svendano il proprio latte per evitare conseguenze negative sul bilancio aziendale attraverso una minore ed inadeguata remunerazione del prodotto.
 
Coldiretti Sardegna nonostante le vane richieste di attivazione di un tavolo di confronto fatte alla Regione chiede con urgenza a tutti i trasformatori la possibilità di un confronto, per evitare che sulla base di un prezzo non remunerativo il latte ovicaprino diminuisca nella nuova campagna ulteriormente a discapito sia dei produttori che dei trasformatori.
 
Coldiretti Sardegna chiede, inoltre, che alla luce dell’ultima risoluzione della Comunità Europea del 19 giugno 2008 n°2007/2192 sul futuro del settore Ovicaprino in Europa, dove si denuncia la crisi generalizzata del settore con la richiesta di interventi specifici, la Regione Sardegna si attivi prontamente nel denunciare la particolare situazione sarda e nel sostenere questa specificità attraverso la predisposizione di interventi di sostegno volti alla salvaguardia ed al rilancio del settore.

. LA FATTORIA DI CAMPAGNA AMICA AL RALLY ITALIA SARDEGNA

Conigli, galline e pulcini e tantissimi bambini hanno animato questo pomeriggio lo spazio Campagna Amica del rally Italia Sardegna che si sta tenendo a Olbia, dove si è festeggiato anche la giornata mondiale dell’ambiente.

PILLONI CAVALIERE DEL LAVORO RICONOSCIMENTO ALL'AMORE E ALLA DEDIZIONE PER TERRITORIO E AGRICOLTURA

Un prestigioso e meritato riconoscimento, un premio alla carriera per chi con il lavoro e il sacrificio ha saputo non solo creare economia ma valorizzare il suo territorio nella sua vera essenza

RICONOSCIUTO IL PIÙ GRANDE BIODISTRETTO D’ITALIA

Via libera per il più grande Bio-distretto d’Italia. E’ arrivata ieri la comunicazione dell’assessorato all’Agricoltura sull’accoglimento della domanda di riconoscimento del distretto “Sardegna bio”, il primo biodistretto sardo

DUE OLI EVO SARDI TRA I PRIMI 10 AL MONDO

Prosegue l’incetta di premi dell’azienda agricola socia Coldiretti Masoni Becciu di Villacidro che in 11 anni ne ha vinto 160, ed è stata nel 2020 la seconda azienda olivicola che ha vinto di più al mondo e piazzando due suoi oli Evo, “Spiritu Sardu” e “Masoni Becciu” fra i primi 10 olii Evo al mondo.

4 AZIENDE AGRICOLE SU 10 NEI PROSSIMI 5 ANNI INVESTIRANNO NELL’AGRICOLTURA DI PRECISIONE

L’81 per cento dei giovani agricoltori sardi ritiene l’innovazione un elemento importante per le imprese agricole, mentre oltre 7 su 10 boccia il Psr sardo.

RINCARI MATERIE PRIME PER AZIENDE AGRICOLE

È allarme negli allevamenti per i prezzi delle materie prime che schizzano ai massimi storici nel mezzo di una delle peggiori crisi economiche

INCUBO CORNACCHIE PER LE AZIENDE AGRICOLE

Sono diventate un incubo per gli agricoltori costretti anche ad interrare le manichette per l’irrigazione

BANDO INDIGENTI. COLDIRETTI SARDEGNA. OSSIGENO PER L'ECONOMIA E AIUTO PER LE FAMIGLIE

Al via il bando di economia circolare per gli indigenti promosso da Coldiretti Sardegna, che prevede la donazione di pane e formaggio prodotti dalle aziende sarde alle famiglie in difficoltà economica con un ritorno economico anche per chi produce

DL SOSTEGNI BIS. COLDIRETTI SARDEGNA: 2 MLD PER L’AGROALIMENTARE

“Le richieste di Coldiretti hanno trovato risposta nel decreto sostegni bis approvato oggi dal Consiglio dei Ministri”.

STOP PRATICHE SLEALI NELLE FILIERE AGROALIMENTARI

Stop alle pratiche sleali nelle filiere agroalimentari che strangolano gli agricoltori con prezzi al di sotto dei costi di produzione

WEBINAR: LE OPPORTUNITÀ FINANZIARIE PER L’EXPORT

Finanziamenti a fondo perduto e a tasso agevolato. Sono le opportunità a cui possono attingere le aziende agricole che intendono affacciarsi per la prima volta o rafforzare la propria dimensione internazionale attraverso una presenza diretta a Dubai o in altri mercati esteri.

WEBINAR: LO SVILUPPO SOSTENIBILE E L'EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROTOCOLLO DI INTESA COLDIRETTI MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

CORSO AGRIHOST 12 MAGGIO 2021

VERSO L'AGRITURISMO DEL FUTURO 1° CORSO DELL'OSPITALITA' CONTADINA COME OFFRIRE AL TURISTA UN PACCHETTO VACANZA

DA 6 ITALIANI SU 10 FIORI PER FESTA MAMMA

Una festa della mamma colorata dai fiori quella che si è svolta questa mattina nei mercati di Campagna Amica

URGENTE LO SBLOCCO DEI PAGAMENTI PER UN’AGRICOLTURA IN GINOCCHIO

E’ drammatica la situazione che si sta vivendo in campagna, soprattutto per quei settori colpiti più duramente dal Covid, che aldilà degli impegni non hanno ancora ricevuto un euro di ristoro. Suinicoltori, viticoltori, agriturismi e florovivaisti in particolare boccheggiano sperando in una ripartenza immediata e nel pagamento di quei ristori promossi e mai arrivati.

| pagina 1 di 86 |