Federazione Coldiretti Sardegna

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

In Evidenza

Coldiretti Sardegna già diversi mesi fa aveva richiesto alla Regione Sardegna, come diffuso anche a mezzo stampa, la necessità di un confronto prima di settembre 2008 al fine di potere mettere in evidenza quanto gli imprenditori lamentano da tempo: l’aumento delle materie prime (mangimi, concimi, sementi, gasolio); fatto che ha vanificato l’incremento del prezzo del latte dello scorso anno. 
 


Coldiretti Sardegna già diversi mesi fa aveva richiesto alla Regione Sardegna, come diffuso anche a mezzo stampa, la necessità di un confronto prima di settembre 2008 al fine di potere mettere in evidenza quanto gli imprenditori lamentano da tempo: l’aumento delle materie prime (mangimi, concimi, sementi, gasolio); fatto che ha vanificato l’incremento del prezzo del latte dello scorso anno. 
 
 Coldiretti Sardegna  ribadisce così come già fatto a giugno 2008 il significativo e preoccupante andamento del settore: agli ottimi prezzi di vendita all’ingrosso spuntati (sino a 11 dollari al Kg del pecorino Romano) ed al sensibile aumento della commercializzazione dei formaggi. si registra un calo di produzione del latte ovino, generalizzato, che pare si attesti intorno al 20 %.
 
E’ chiaro che una situazione del genere sia frutto oltre che dall’abbandono del settore da parte di molti, anche del tentativo di molti imprenditori di risparmiare sull’acquisto di mangimi, utilizzando soprattutto i pascoli, con corrispondente calo produttivo.
 
Al fine di trovare soluzioni in merito Coldiretti Sardegna  aveva chiesto a giugno 2008 all’Assessorato all’Agricoltura di potere attivare per giugno scorso un tavolo di confronto per cercare, insieme, strategie utili a contrastare gli aumenti e per aiutare le imprese a superare questo momento. Nessuna risposta.
 
E’ già il terzo anno che si chiede all’Assessorato l’attivazione dell’Osservatorio Economico, ma nell’emergenza a luglio 2008  Coldiretti Sardegna   è stata costretta a crearlo al fine di potere dare ciò che nel momento della contrattazione serve alle imprese: cioè un rilevamento dei costi di produzione da parte di una serie di aziende tipo per tutta la Sardegna.
 
E’ chiaro che si tratta di un dato di riferimento e di orientamento sulla base di alcune aziende che rappresentano per dimensione, modalità di allevamento e conduzione la fascia d’aziende più diffusa nella nostra regione.
 
Il costo di produzione rilevato dall’indagine del solo latte ovino prodotto in azienda  ( indipendentemente dal grado di innovazione conseguito, dalla dimensione economica e produttiva) non si differenzia molto da una realtà produttiva ad un'altra , attestandosi, fra 1,10 e 1,25 euro per litro con costi riferiti alla campagna 2007/2008, pertanto suscettibili di ulteriori aumenti.
Si specifica che nei calcoli svolti sono compresi i contributi comunitari altrimenti i costi di produzione sarebbero più elevati.
 
Coldiretti Sardegna alla luce di quanto rilevato, considerata la scarsità della produzione, l’assenza di giacenze e la forte necessità di materia prima da parte dei trasformatori chiede che i produttori non svendano il proprio latte per evitare conseguenze negative sul bilancio aziendale attraverso una minore ed inadeguata remunerazione del prodotto.
 
Coldiretti Sardegna nonostante le vane richieste di attivazione di un tavolo di confronto fatte alla Regione chiede con urgenza a tutti i trasformatori la possibilità di un confronto, per evitare che sulla base di un prezzo non remunerativo il latte ovicaprino diminuisca nella nuova campagna ulteriormente a discapito sia dei produttori che dei trasformatori.
 
Coldiretti Sardegna chiede, inoltre, che alla luce dell’ultima risoluzione della Comunità Europea del 19 giugno 2008 n°2007/2192 sul futuro del settore Ovicaprino in Europa, dove si denuncia la crisi generalizzata del settore con la richiesta di interventi specifici, la Regione Sardegna si attivi prontamente nel denunciare la particolare situazione sarda e nel sostenere questa specificità attraverso la predisposizione di interventi di sostegno volti alla salvaguardia ed al rilancio del settore.

AUGURI FESTIVITA' 2018

COLDIRETTI SARDEGNA AUGURA UN SERENO NATALE E UN FELICE ANNO NUOVO

Prezzo del latte. Coldiretti. Per uscire dalla crisi serve un patto di responsabilità tra tutti gli attori della filiera

Un patto che garantisca una remunerazione equa a tutti gli attori della filiera. E’ la proposta che questa mattina ha avanzato a nome di Coldiretti Sardegna il presidente Battista Cualbu e che era già stata condivisa con le altre organizzazioni agricole. Lo ha fatto a Banari durante l’incontro annuale che si svolge nel centro del Meilogu, dove erano presenti il presidente dell’Oilos Salvatore Pala, del Consorzio di tutela del Pecorino romano Salvatore Palitta, Giommaria Pinna dell’industria casearia omonima di Thiesi, una decina presidenti di cooperative e oltre 100 pastori provenienti da tutta la Sardegna. Erano presenti anche i due docenti universitari di Sassari Roberto Furesi e Giuseppe Pulina e il direttore del Banco di Sardegna Giuseppe Cuccurese e l’assessore all’Agricoltura Pierluigi Caria.

Corisar. Mense a km0 e accordo scaccia crisi per i pastori del sud Sardegna

Un accordo scaccia crisi per i pastori e garanzia per la salute di 9mila bambini. E’ il frutto dell’accordo siglato questa mattina tra Coldiretti Cagliari e Corisar (impresa che si occupa di ristorazione collettiva) che consente da un parte ai pastori del sud Sardegna aderenti alla cooperativa Oproc di avere un’equa remunerazione del latte e dall’altra garantisce a 9 mila bambini che pranzano nelle mense scolastiche di 10 Comuni del Campidano (Cagliari, Sestu, Dolianova, Monastir, Uta, Silius, Soleminis, Serdiana, Burcei e Decimoputzu) di consumare un pecorino a km0, di cui si conosce l’origine e i produttori.

Assegnati i premi Fèminas a sette donne sarde

Sono state premiate da Fèminas, premio ideato da Coldiretti Donne impresa Sardegna, questa mattina a Sassari, nella sede de La Nuova Sardegna, le sette donne che si sono distinte nel proprio campo di lavoro.

Premio Fèminas per le donne che contribuiscono a fare grande la Sardegna

Féminas è il premio delle donne per le donne. Giunto alla seconda edizione, è promosso da Coldiretti Sardegna grazie al movimento Donne Impresa, che ha organizzato l’evento di premiazione per martedì 11 a Sassari, nella sede del quotidiano La Nuova Sardegna a partire dalla 10.

L’agriturismo Sa Mandra di Campagna Amica miglior ristorante d’Italia

Va al locale di un agrichef sardo di Campagna Amica il titolo di miglior ristorante d’Italia assegnato da Tripadvisor, il più grande sito da viaggio sul web che conta su una media di 29 milioni di accessi ogni mese.

Giornata del Ringraziamento nel nome dell'abbattimento delle disuguglianze sociali

L’agricoltura oggi più che mai è percepita come un bene collettivo, un mezzo di coesione sociale, dove l’accoglienza, l’ospitalità e la solidarietà sono punti di forza per l’abbattimento delle disuguaglianze di ogni genere. In questo contesto l’offerta multifunzionale dell’impresa agricola assume un ruolo strategico per le molteplici possibilità occupazionali che offre alle persone".

Scatta l’obbligo della fatturazione elettronica, ecco come mettersi in regola

Dal 1° gennaio 2019 entra in vigore per tutte le imprese, comprese quelle agricole, l’obbligo della fatturazione elettronica. Si tratta, in pratica, di un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che va a sostituire integralmente quelle cartacee

VISITA ISTITUZIONALE DONNE IMPRESA COLDIRETTI SARDEGNA

DAL 12 AL 15 NOVEMBRE 2018, UNIO' DE PAGESOS, IL SINDACATO AGRICOLO PIU' RAPPRESENTATIVO DELLA CATALOGNA, ACOGLIERA' UNA RAPPRESENTANZA DI DONNE IMPRENDITRICI AGRICOLE COLDIRETTI DELLA SARDEGNA

Prandini nuovo presidente. Cualbu e Saba nel Consiglio nazionale

Ettore Prandini, 46 anni, lombardo con tre figli, è il nuovo Presidente nazionale di Coldiretti. E’ stato eletto all’unanimità dall’Assemblea dei delegati di tutte le regioni riunita presso Palazzo Rospigliosi a Roma, sede della maggiore organizzazione di imprese agricole d’Italia con 1,6 milioni di associati. Laureato in giurisprudenza, Prandini guida un’azienda zootecnica di bovini da latte e gestisce un’impresa vitivinicola con produzione di Lugana. E’ stato eletto Presidente nazionale di Coldiretti dopo aver ricoperto per quattro anni la carica di vice Presidente nazionale.

NUOVO CLIMA E AGRICOLTURA PIU’ SOSTENIBILE

Articolo del Direttore Regionale Luca Saba pubblicato sulla Nuova Sardegna del 31-10-2018

Maltempo. Coldiretti. Agricoltura in ginocchio, subito il forum sui cambiamenti climatici

Il maltempo si abbatte ancora una volta sulla Sardegna causando nuovamente danni ad una agricoltura ormai in ginocchio. Grandine e forte vento hanno scoperchiato stalle, abbattuto alberi, raso al suolo colture in pieno campo, danneggiato strutture e mezzi e qualche animale morto.

Arrivano i mercati contadini anti-spopolamento

Negli ultimi 10 anni, secondo l’Istat, sono stati chiusi 100mila piccoli negozi nei centri urbani a causa dello spopolamento con evidenti effetti negativi legati alla riduzione dei servizi di prossimità, ma anche un indebolimento del sistema relazionale, dell’intelaiatura sociale e spesso anche della stessa sicurezza sociale delle città.

Blue tongue. Coldiretti: tre proposte per consentire la movimentazione dei bovini

Dopo la comparsa del sierotipo 3 della blue tongue, per gli allevatori di bovini è tornato l’incubo del blocco delle esportazioni

| pagina 1 di 70 |