Federazione Coldiretti Sardegna

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

In Evidenza

Coldiretti Sardegna già diversi mesi fa aveva richiesto alla Regione Sardegna, come diffuso anche a mezzo stampa, la necessità di un confronto prima di settembre 2008 al fine di potere mettere in evidenza quanto gli imprenditori lamentano da tempo: l’aumento delle materie prime (mangimi, concimi, sementi, gasolio); fatto che ha vanificato l’incremento del prezzo del latte dello scorso anno. 
 


Coldiretti Sardegna già diversi mesi fa aveva richiesto alla Regione Sardegna, come diffuso anche a mezzo stampa, la necessità di un confronto prima di settembre 2008 al fine di potere mettere in evidenza quanto gli imprenditori lamentano da tempo: l’aumento delle materie prime (mangimi, concimi, sementi, gasolio); fatto che ha vanificato l’incremento del prezzo del latte dello scorso anno. 
 
 Coldiretti Sardegna  ribadisce così come già fatto a giugno 2008 il significativo e preoccupante andamento del settore: agli ottimi prezzi di vendita all’ingrosso spuntati (sino a 11 dollari al Kg del pecorino Romano) ed al sensibile aumento della commercializzazione dei formaggi. si registra un calo di produzione del latte ovino, generalizzato, che pare si attesti intorno al 20 %.
 
E’ chiaro che una situazione del genere sia frutto oltre che dall’abbandono del settore da parte di molti, anche del tentativo di molti imprenditori di risparmiare sull’acquisto di mangimi, utilizzando soprattutto i pascoli, con corrispondente calo produttivo.
 
Al fine di trovare soluzioni in merito Coldiretti Sardegna  aveva chiesto a giugno 2008 all’Assessorato all’Agricoltura di potere attivare per giugno scorso un tavolo di confronto per cercare, insieme, strategie utili a contrastare gli aumenti e per aiutare le imprese a superare questo momento. Nessuna risposta.
 
E’ già il terzo anno che si chiede all’Assessorato l’attivazione dell’Osservatorio Economico, ma nell’emergenza a luglio 2008  Coldiretti Sardegna   è stata costretta a crearlo al fine di potere dare ciò che nel momento della contrattazione serve alle imprese: cioè un rilevamento dei costi di produzione da parte di una serie di aziende tipo per tutta la Sardegna.
 
E’ chiaro che si tratta di un dato di riferimento e di orientamento sulla base di alcune aziende che rappresentano per dimensione, modalità di allevamento e conduzione la fascia d’aziende più diffusa nella nostra regione.
 
Il costo di produzione rilevato dall’indagine del solo latte ovino prodotto in azienda  ( indipendentemente dal grado di innovazione conseguito, dalla dimensione economica e produttiva) non si differenzia molto da una realtà produttiva ad un'altra , attestandosi, fra 1,10 e 1,25 euro per litro con costi riferiti alla campagna 2007/2008, pertanto suscettibili di ulteriori aumenti.
Si specifica che nei calcoli svolti sono compresi i contributi comunitari altrimenti i costi di produzione sarebbero più elevati.
 
Coldiretti Sardegna alla luce di quanto rilevato, considerata la scarsità della produzione, l’assenza di giacenze e la forte necessità di materia prima da parte dei trasformatori chiede che i produttori non svendano il proprio latte per evitare conseguenze negative sul bilancio aziendale attraverso una minore ed inadeguata remunerazione del prodotto.
 
Coldiretti Sardegna nonostante le vane richieste di attivazione di un tavolo di confronto fatte alla Regione chiede con urgenza a tutti i trasformatori la possibilità di un confronto, per evitare che sulla base di un prezzo non remunerativo il latte ovicaprino diminuisca nella nuova campagna ulteriormente a discapito sia dei produttori che dei trasformatori.
 
Coldiretti Sardegna chiede, inoltre, che alla luce dell’ultima risoluzione della Comunità Europea del 19 giugno 2008 n°2007/2192 sul futuro del settore Ovicaprino in Europa, dove si denuncia la crisi generalizzata del settore con la richiesta di interventi specifici, la Regione Sardegna si attivi prontamente nel denunciare la particolare situazione sarda e nel sostenere questa specificità attraverso la predisposizione di interventi di sostegno volti alla salvaguardia ed al rilancio del settore.

PASTA “SOLO SARDO”: PATTO AGRICOLTORI-CONSUMATORI

Parte dalla pasta il Patto degli agricoltori con i consumatori per l’acquisto di prodotti garantiti, tracciati, locali ed etici.

LATTE. COLDIRETTI. ESAURITE LE GIACENZE DI ROMANO. SERVE UNITA’

Non ci sono più giacenze di Pecorino romano”. E’ quanto emerso questa mattina a Cagliari durante l’incontro con la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova.

IL CAMMINO DI SAN SATURNINO ALLA SCOPERTA DELLE ECCELLENZE LOCALI

Si snoda anche sui sentieri della grande tradizione agroalimentare sarda il Cammino di San Saturnino patrono di Cagliari e Isili, evento che, in nome della tradizione religiosa, punta a promuovere un tipo di turismo che invita alla conoscenza dei luoghi nella maniera più autentica e vicina al territorio.

LATTE. COLDIRETTI. BENE DECRETO MA SI DIA RISALTO ALLA BUONA ANNATA ALLE PORTE

Meno produzione di Romano ed esportazioni che volano

. 59MILA SARDI COSTRETTI A CHIEDERE AIUTO PER MANGIARE

Sono circa 59mila i sardi costretti a chiedere aiuto per mangiare e di questi oltre il 12% (7.258) hanno meno di 15 anni. Lo rivela Coldiretti nella giornata mondiale dell’alimentazione promossa dalla Fao, sulla base dei dati sugli aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead attraverso dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea).

. IL NOSTRO OBIETTIVO E’ E RIMANE L’EQUA REMUNERAZIONE DEL LATTE AI PASTORI

L’obiettivo rimane sempre quello per cui ci stiamo battendo: una filiera trasparente con un’equa remunerazione del prezzo del latte ai pastori. Tutte le altre cose, querele comprese, non ci distolgono dal suo perseguimento

DAZI. COLDIRETTI. SCAMPATO PERICOLO PER IL PECORINO

Nella black list di Trump non c’è il Pecorino romano da grattugia ma solo quello da tavola. La Sardegna, che negli Usa vende quasi esclusivamente pecorino grattugiato, uscirebbe indenne dalla scure americana dei dazi al 25%.

COLDIRETTI. L’AGRICOLTURA DEI GIOVANI INNOVATIVI E’ SOSTENIBILE: ASSEGNATI GLI OSCAR

L’Asinara ha incoronato i migliori giovani agricoltori innovatori della Sardegna. Ieri mattina nell’isola, si sono svolte con una cornice di 200 giovani agricoltori, le finali regionali dell’Oscar green, il premio ideato da Coldiretti Giovani Impresa che ora approda alla fase finale nazionale che si terrà in autunno.

COLDIRETTI. PREMIO “SARDI DI SUCCESSO” A MICHELE E STEFANO MANCA DI PINO E GLI ANTICORPI

“Sardi di successo per avercela fatta, per aver saputo reinterpretare a livello nazionale l’ironia e la sagacia di un’isola che li ha eletti a rappresentanti dell’intero popolo sardo”.

COLDIRETTI. ALL’ASINARA GLI OSCAR AI MIGLIORI GIOVANI AGRICOLTORI INNOVATIVI

Si terranno venerdì 20 settembre nel Palazzo Reale dell'isola dell'Asinara le finali regionali della tredicesima edizione degli Oscar green, il premio nazionale ideato da Coldiretti Giovani Impresa, riservato agli agricoltori under 40 innovatori, creativi e attenti al sociale e alla sostenibilità

COLDIRETTI SARDEGNA. VENDEMMIA: DIMINUISCE IN QUANTITA’ MA AUMENTA IN QUALITA’

Si prevede una buona vendemmia qualitativa purtroppo azzoppata quantitativamente dal forte vento dei primi giorni di maggio che ha colpito soprattutto il vermentino.

COLDIRETTI. FRANCO COLUMBU AMBASCIATORE DELL’AGROALIMENTARE NEL MONDO

Corretta alimentazione, attività fisica. Sono stati il credo di Franco Columbu il mister muscolo e grande amico di Arnold Schwarzenegger che ieri ci ha lasciato.

Coldiretti. Meno Pecorino prodotto, più vendite e prezzo fermo: la filiera è malata e va curata

Negli ultimi cinque anni non si era mai prodotto cosi poco Pecorino romano. I dati pubblicati dal sito web Clal.it, fonte ufficiale del consorzio del Pecorino romano parlano chiaro: da ottobre 2018 a giugno 2019 si sono prodotte 25.389 tonnellate (a fine annata si dovrebbe arrivare a circa 26.500 tonnellate circa). Bisogna tornare al 2013 – 2014 per avere meno quantità prodotto di Pecorino romano, allora ci si fermò a poco più di 24mila tonnellate e l’annata successiva il latte venne pagato ad una media di 1,10 euro al litro con punte di 1,40

FERRAGOSTO. COLDIRETTI. CRESCE LA PRESENZA NEGLI AGRITURISMO: + 3%

Anche quest’anno, in linea con i dati nazionali, l’offerta agrituristica sarda conferma per Ferragosto il segno più nelle presenze (+3%), a conferma che i vacanzieri sono sempre più attenti al cibo locale, autentico, distintivo, tradizionale ed a km0, ma vogliono anche relax e contatto con la natura.

INCENDI. COLDIRETTI. DIMINUISCONO GLI ETTARI BRUCIATI

INCENDI. COLDIRETTI. DIMINUISCONO GLI ETTARI BRUCIATI (+ BASSI DEGLI ULTIMI 10 ANNI) MA NON LA VIOLENZA DEL FUOCO: ATTIVARE MISURE DEL PSR E ALTRI STRUMENTI

| pagina 1 di 74 |